IRO Centro Diagnostico dispone di una innovativa apparecchiatura per la prevenzione del Melanoma cutaneo:

Vidix V Track Total Body Scan

Si tratta di un videodermatoscopio a colonna che permette una accurata acquisizione automatica in total body del paziente.

La cute di tutto il corpo viene scannerizzata in meno di due minuti con visualizzazione anteriore, posteriore, laterale destra e laterale sinistra.

Successivamente il Dermatologo completa l’esame con valutazioni mirate su reperti sospetti con la videocamera digitale manuale ad alta risoluzione.

Guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=-ayict9jcCA

L’aumento progressivo dell’incidenza del melanoma maligno della pelle spinge a ricercare metodiche diagnostiche di riconoscimento del tumore nelle fasi più precoci.

Il Vidix V Track acquisisce ed archivia immagini cutanee con ingrandimenti che vanno da un minimo di 10 ad un massimo di 100 volte, permettendone una perfetta riproducibilità nei successivi controlli periodici comparativi.

Il Vidix V Track è attualmente la metodica strumentale di riferimento per la corretta prevenzione del Melanoma cutaneo.

Per la valutazione dei nevi è importante seguire il semplice metodo: A, B, C, D, E

A: come asimmetria

B: come bordi

C: come colore

D: come dimensioni

E: come evoluzione.

       

Fattori di rischio per il melanoma:

1) Foto tipo cutaneo chiaro, con capelli e occhi chiari con propensione alle scottature.

2) Anamnesi familiare e personale positiva per melanoma.

3) Raggi UVA: ripetute esposizioni ai raggi solari o lampade abbronzanti.

4) In presenza di nevi molto numerosi è importante controllarne periodicamente colore e dimensioni.

 

Ulteriori impieghi della videodermatoscopia digitale:

1) Prevenzione di altri tumori della pelle.

2) Indagine mirata di lesioni cutanee.

3) Visualizzazione a notevole ingrandimento degli annessi cutanei (capelli, unghie, peli).

4) Videocapillaroscooia per valutazione del microcircolo cutaneo.

5) Riconoscimento dell’Acaro della scabbia.

   La funzione di Follow-up è di supporto nel riconoscimento automatico dei nei.

 

 

                                                

Durante la visita successiva, il software segnalerà le nuove

lesioni con un colore diverso rispetto a quelle già esistenti.